Alcune regole da seguire prima di presentarsi all’esame.

  • CLISMA OPACO CON DOPPIO CONTRASTO

    DIETA DEI TRE GIORNI PRIMA DELL’ESAME:
    ORE 8: LATTE E FETTE BISCOTTATE (NO DOLCI)
    ORE 10: SUCCO DI FRUTTA
    ORE 13: 50gr DI PASTA, 100gr DI CARNE TRITATA, 100gr DI PATATE BOLLITE, GRISSINI
    ORE 20: 100gr DI CARNE TRITATA, 100gr DI PATATE BOLLITE, GRISSINI

    IL GIORNO PRIMA DELL’ESAME:
    COLAZIONE COME DA DIETA, SEGUITA DA 13 CONFETTI DI PURSENNID OPPURE
    UN FLACONE DI X PREP(agitare bene e berlo tutto).
    PRANZO COME DA DIETA.
    ORE 17: gr15 DI SOLFATO DI MAGNESIO IN 1/2 BICCHIERE D’ACQUA .
    DOPO BERE 2 LITRI D’ACQUA (1 bicchiere ogni 30 minuti).
    CENARE CON BRODO O THE.

    NON MANGIARE PIU’ NIENTE FINO AL MOMENTO DELL’ESAME.

  • ECOGRAFIA ADDOME TOTALE

    Il giorno precedente l’esame alimentarsi con brodo di carne, pesce, carne bianca, prosciutto crudo, patate lesse, zucchine.
    NIENTE latte, latticini (formaggi), caffè, bevande gassate o alcoliche, pane e pasta.

    Il giorno dell’esame il paziente può fare colazione con thé o succo di frutta, ma deve essere digiuno da almeno 6 ore.
    Un’ora prima dell’esame bere un litro d’acqua circa, senza poi urinare, per avere la vescica piena al momento dell’esecuzione dell’ecografia.

  • ECOGRAFIA ADDOME INFERIORE

    Un’ora prima dell’esame bere un litro d’acqua circa senza poi urinare, per avere la vescica piena al momento dell’esecuzione dell’ecografia.

  • ECOGRAFIA ADDOME SUPERIORE

    Il giorno dell’esame, il paziente deve essere digiuno da 6 ore.

  • TC CON MEZZO DI CONTRASTO

    Per poter eseguire la TC con MDC è necessario essere a digiuno da almeno 6 ore ed aver eseguito esami di sangue della CREATININA (o creatinemia), eseguiti massimo due mesi prima, da presentare in sede di esame. Inoltre, è necessario avere una richiesta medica e portare gli eventuali referti precedenti, utili al Medico Radiologo per il confronto in sede di refertazione

  • RADIOGRAFIA COMPLETA DEL TUBO DIGERENTE

    Il giorno dell’esame il paziente deve essere digiuno da almeno 6 ore.

  • RADIOGRAFIA DEL TRATTO GASTROINTESTINALE SUPERIORE O INFERIORE

    Il giorno dell’esame il paziente deve essere digiuno da almeno 6 ore.

  • RADIOGRAFIA DELL’ESOFAGO CON CONTRASTO O CON DOPPIO CONTRASTO

    Il giorno dell’esame il paziente deve essere digiuno da almeno 6 ore.

  • RADIOGRAFIA DELLO STOMACO E DEL DUODENO CON DOPPIO CONTRASTO

    Il giorno dell’esame il paziente deve essere digiuno da almeno 6 ore.

  • STUDIO SERIATO DELL’INTESTINO TENUE

    Il giorno dell’esame il paziente deve essere digiuno da almeno 6 ore.

  • RADIOGRAFIA DELL’ADDOME

    Il giorno dell’esame il paziente deve essere digiuno da almeno 6 ore.

  • RM CON MEZZO DI CONTRASTO

    Per poter eseguire la Risonanza con MDC è necessario essere a digiuno da almeno 6 ore ed aver eseguito esami di sangue della CREATININA (o creatinemia), eseguiti massimo due mesi prima, da presentare in sede di esame. Inoltre, è necessario avere una richiesta medica e portare gli eventuali referti precedenti, utili al Medico Radiologo per il confronto in sede di refertazione.

  • COLONSCOPIA VIRTUALE

    1. Tre giorni precedenti all’esame eseguire una dieta priva di fibre

    2. Il giorno prima dell’esame al mattino assumere 4 compresse di PURSENNID. Alle ore 18 bere una

    soluzione di 1LT di acqua e le due buste di MOVIPREP ( A e B), in commercio sono disponibili due

    gusti : limone e arancia. Bere la soluzione nell’arco di 1-2 ore (1 bicchiere ogni 10 – 15 minuti) .

    Bere in seguito ½ LT acqua.

    3. Cena liquida : brodo, thé, camomilla.

    4. Dopo cena bere una soluzione di 1 LT di acqua e le altre due buste di MOVIPREP (A e B) nelle

    modalità sopradescritte. Bere in seguito ½ LT di acqua.

    5. Presentarsi 2 ore prima dell’orario dell’esame al centro medico dove verrà data al paziente una

    soluzione di acqua e GASTROGRAFIN (100 ml gastrografin e 100ml di acqua).

    IL PAZIENTE PUO’ CONTINUARE AD ASSUMERE TUTTI I FARMACI IN TERAPIA.

    Nell’ipotesi di dover procedere a biopsia o a pilipeptomia, se il paziente è in terapia antiaggregante, tale

    terapia deve essere sospesa almeno 7 giorni prima dell’esame.

    COSA E’ NECESSARIO FARE PER ESEGUIRE L’ESAME IN SICUREZZA?

    – Segnalare sempre all’Endoscopista se si esegue una terapia con antiaggreganti ed anticoagulanti

    – Il paziente in TERAPIA ANTICOAGULANTE deve sospendere la terapia rivolgendosi al proprio

    Medico curante o al Centro della coagulazione dove è seguito per le modalità di sospensione della

    terapia stessa e deve eseguire l’INR il giorno precedente l’esame

    – Il giorno dell’esame non assumere i farmaci antiacidi o sucralfato (esempio MALOX), ma non

    sospendere l’assunzione di altri farmaci abituali

    – Avvertire l’Endoscopista di eventuali ALLERGIE e/o eventuali PATOLOGIE

    CARDIORESPIRATORIE O DI ALTRA NATURA

    – La donna in età fertile deve avvertire di eventuale o sospetta GRAVIDANZA

    – Per i pazienti con grave PATOLOGIA VALVOLARE CARDIACA, CARDIOPATIA DILATATIVA O

    PORTATORI DI PROTESI VALVOLARE MECCANICA, è importante concordare con il proprio

    Medico curante una profilassi antibiotica.

    DIETA PER COLONSCOPIA VIRTUALE DA SEGUIRE NEI 3 GIORNI PRECEDENTI

    L’ESAME

    GENERI ALIMENTARI CIBI CONSENTITI CIBI DA EVITARE
    FARINACEI Pane di farina 00

    Cracher

    Biscotti

    Prodotti di farina

    integrale;prodotti da forno che

    contengano crusca, granturco,

    farina d’avena, cereali

    Pasta

    DOLCI Torte e biscotti semplici

    Ghiaccioli, yogurt magri

    naturali senza pezzi di frutta

    Gelato senza cioccolato e

    nocciole

    Gelatine

    Cioccolato

    Alimenti con farina integrale o

    semi

    Cocco

    Yogurt con pezzi di frutta

    Frutta secca

    FRUTTA Frutta sciroppata

    Sciroppo di mele

    Frutta non cotta

    Frutta secca

    Frutti di bosco

    VERDURE Patate bianche bollite senza la

    buccia

    Carote cotte

    Verdure fritte o crude

    Broccoli

    Cavolo

    Spinaci, piselli, mais e verdure

    con semi

    CONDIMENTI Margarina, olio, maionese Burro e strutto

    Qualsiasi cosa contenente

    alimenti già esclusi sopra

    CARNE E SOSTITUTI Carne di pollo e tacchino

    Pesce

    Frutti di mare

    Uova

    Formaggio magro leggero

    Carne rossa

    Fagioli e piselli o legumi in

    generale

    Formaggi grassi

    Burro di arachidi

    BRODI Brodo vegetale (patate o

    carote) eliminando la parte

    solida delle verdure

    Passati di verdura
    BEVANDE Latte scremato

    Bevande decaffeinate

    Succhi di frutta senza polpa

    Caffè espresso

    Cappuccino

    Latte intero

    Bevande alcoliche

    Succhi di frutta con polpa

    NOTE INFORMATIVE SULLA COLONSCOPIA VIRTUALE

    Che cosa è la colonscopia virtuale?

    La colonscopia virtuale è un esame radiologico che dura circa venti minuti e che permette di studiare la

    parete del colon simulando la colonscopia tradizionale.

    L’esame si esegue utilizzando un’apparecchiatura di Tomografia Assiale Computerizata (TAC) a bassa

    dose che utilizza radiazioni ionizzanti per ottenere immagini dettagliate di aree specifiche

    dell’organismo. La metodica non è pertanto invasiva.

    Come viene eseguito l’esame?

    Dopo essersi spogliato e messo il camice il paziente verrà posizionato sul lettino della sala TAC e verrà

    introdotto nel retto un piccolo sondino di gomma flessibile con dei fori alle estremità. Attraverso la

    sonda verrà quindi insufflata dell’aria per distendere il colon; infatti, se il colon non è disteso non è

    possibile identificare i polipi. L’aria è un gas innocuo che viene riassorbito molto velocemente al termine

    della procedura. La sua introduzione è in genere ben tollerata e solo raramente può provocare dolore.

    In alcuni casi per favorire la distensione del colon viene iniettato uno spasmolitico (in genere Buscopan)

    per via endovenosa. L’esame TAC verrà eseguito in posizione prona e poi supina. I dati raccolti sono

    inviati ad una computer che fornisce al medico radiologo una ricostruzione tridimensionale del colon del

    paziente (paragonabile alla visione endoscopica dell’esame tradizionale).

    I benefici della colonscopia virtuale

    La colonscopia virtuale permette di identificare più del 90% dei polipi di almeno un centimetro, che sono

    quelli più pericolosi per la salute, e di identificare una lesione tumorale in fase precoce permettendone

    la cura con terapie. Inoltre la colonscopia virtuale può identificare anche diverticoli e anomalie

    anatomiche come ad esempio il colon tortuoso (dolico colon).

    I rischi della colonscopia virtuale

    La colonscopia virtuale è un esame sicuro, con una percentuale di rischi di complicanze bassissima.

    L’esame è eseguito con una dose molto bassa di raggi x e quindi, il rischio che possano esserci delle

    conseguenze negative sull’organismo determinate dalle radiazioni, è molto limitata.

    In circa il 10% dei pazienti che si sottopongono alla colonscopia virtuale si riscontrano polipi che

    rendono necessaria l’esplorazione dell’intestino con un esame lievemente più invasivo: la colonscopia

    tradizionale. E’ tuttavia possibile passare in fase interventistica in tempo reale, semplicemente facendo

    passare il paziente dalla sala radiologica a quella endoscopica, al fine di evitargli il disagio di dover

    eseguire un ulteriore preparazione.